Intervista a Peter Fisher, direttore del Royal Homeopathic Hospital di Londra  [05.06.2006]

"La cosa  fondamentale è che funziona", affermano gli omeopati più autorevoli
di Sarah Bosley - health editor, Guardian 27 maggio 2006 

Peter Fisher, direttore clinico dell'Ospedale Omeopatico Reale di Londra e l'uomo al centro della tempesta di questa settimana sulle medicine alternative nel NHS, incolpa Descartes. Sebbene passi molto tempo a discutere l'evidenza scientifica delle cure alternative, non è veramente una buona cosa separare cosa sta succedendo nella mente del paziente da cosa sta succedendo nel loro corpo, dice. "Sono depressi perchè sono ammalati o sono ammalati perchè sono depressi? Ti immobilizzi in argomento sterile. Descartes è da incolpare."

Questa settimana i razionalisti hanno acceso qualche pesante accusa, cosa dicono è che sono cure non scientificamente provate finanziate dal NHS. I tredici medici eminenti, guidati da Michael Baum, emerito professore di chirurgia alla stessa amministrazione di Fisher - Collegio Universitario degli Ospedali londinesi - incalzano che l'NHS non dovrebbe pagare per le terapie alternative.

L'Ospedale Omeopatico Reale di Londra, che ha recentemente riaperto dopo una  ristrutturazione di 20,000 £, è finanziato interamente dal NHS. L'ospedale per l'infanzia Great Ormond Street condivide il suo edificio - puoi dire i corridoi dell'ospedale omeopatico dalla sua stimolante tinta verde tiglio e dai pavimenti in legno naturale. I Medici Generici e i consulenti seguono lì i pazienti. Questo costa all'NHS circa 3,400 £ all'anno. E, dice il Dottor Fisher, i 27.000 pazienti che vengono per omeopatia, agopuntura, terapie nutrizionali e le altre cure offerte stanno bene. Ma se non lo ammetterà - essendo qualcuno che ha studiato medicina all'Università di Cambridge ed un reumatologo convenzionale - che l'omeopatia non è plausibile, concorda col fatto che è discutibile.

Nelle farmacie migliaia di bottigliette, precisamente della stessa misura e forma, sono allineate pronte all'uso. La teoria contro l'omeopatia sta trattando una condizione con una  quantità molto piccola di quello che causa - tipo la legge delle vaccinazioni. La diluizione  varia. Il Dottor Fisher prende un 6c etichettato - che è, 600 parti di acqua e una parte di sostanza attiva. Un'altro è 9c - con 900 parti di acqua. "Poco ci manca che non ci sia una molecola," ha detto. "Ma funziona - assolutamente."

Chiari tubetti pieni di piccole pillole di zucchero sono messe vicino. Un paio di gocce del liquido vanno in ciascuna pillola. L'omeopata prescriverà quante di queste pillole debbano essere prese ogni giorno. "So che è discutibile," dice il Dottor Fisher. "Parte di quello che mi fece entrare in questo è la pura e semplice curiosità scientifica. Pensai, sarò quello che la risolverà."

Non l'ha risolta, sebbene, dice, "abbiamo fatto molto progresso." Cita
indagini che dimostrano che le persone sono state meglio in certe condizioni con l'omeopatia. I suoi critici si oppongono con indagini che dimostrano che non c'è un miglioramento. Potrebbe essere un effetto placebo? Non gli piace il termine. "Io preferisco effetto non specifico." Ma no - lui è, dice, "un omeopata non apologetico" e crede che qualcosa succeda veramente.

Per
il Dottor Fisher cominciò quando andò in Cina come studente di medicina durante la fine della Rivoluzione Culturale, quando Mao era ancora vivo e la Banda dei Quattro era sotto controllo. "Vidi una donna su un tavolo operatorio con l'intero addome aperto, mentre parlava ai chirurgi, con tre aghi alle orecchie. Cominciai ad essere convinto che stava cominciando qualcosa di molto interessante."

Di sopra è cominciata una grande seduta di agopuntura, un esperimento di efficacia nel rientro dei costi. I pazienti si stendono su quattro degli otto divaniletto con pantaloni e gonne rotolate su, le loro ginocchia infilzate da spilli metallici attaccati ad elettrodi. Tutti hanno l'artrite. È una condizione di salute per la quale si ha una buona evidenza che l'agopuntura funziona.

Tre dei quattro dicono di sentire meno dolore.
"Sentivo una sensazione di bruciore al ginocchio ogni giorno. È finito. Non amo gli aghi, ma questo riduce il gonfiore e tutto," ha detto Pamela Picking da Finchley, a nord di Londra. Mumtas Rizui da Golders Green, a nord di Londra, preparato come chimico, dice che un amico chirurgo era felice che fosse venuto. "Ma io dico vedere per credere. Mi sta aiutando." Ma Aqila Azhar e suo marito Ilyas non sono convinti. L'agopuntura non ha aiutato le sue ginocchia - lei preferisce l'omeopatia. Il signor Azhar ha detto la recente questione dell'omeopatia potrebbe essere dannosa. "Se tu vai per qualsiasi trattamento, devi avere fiducia come mia moglie," ha detto.

Alcuni pazienti viaggiano
attraverso lunghe distanze. Adam Frankel vive a Devon. Ha una lunga storia di malattie che l'hanno fatto passare mesi a letto. L'NHS non ha fatto niente per lui, dice. Arrivò all'ospedale circa nove anni fa con ascessi alle gengive e da allora prende varie medicine omeopatiche. I rimedi hanno aiutato lui e la sua famiglia - e, dice, anche il gatto.

[invia per email]