Verso la ricomposizione del sapere medico: corso all'UniversitÓ di Bologna  [28.09.2007]

Alla fine di ottobre inizia a Bologna il II corso di Alta Fomazione "Integrazione fra saperi convenzionali e non convenzionali in medicina" organizzato dalla Fondazione Alma Mater dell'Università di Bologna.  Il corso è particolarmente importante in quanto parte da un mutuo riconoscimento che in medicina, al pari di altre discipline, vi sono diversi saperi che corrispondono a diverse culture e specificità, e che è tempo che questi saperi dialoghino e cerchino un'integrazione. nel fine comune del miglioramento della salute umana. 

Questo obiettivo, sempre più urgente, è stato fino ad oggi reso difficile dall'eccessiva frammentazione del sapere medico, ed in particolare dalla distinzione ancora praticata fra mente e corpo e fra pensiero analitico e pensiero sintetico.   E' quindi molto significativo il fatto che tre diverse facoltà (Medicina, Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali, Lettere e Filosofia) collaborino insieme in questo corso, esplicitando la volontà di ricomposizione del sapere medico che si è distribuito appunto in diversi ambiti e diverse facoltà, permettendo da un lato un maggiore approfondimento e specializzazione, ma causando insieme una frammentazione della visione dell'uomo sano ed ammalato.

E questa frammentazione  è la principale causa ad esempio della sostanziale impasse della medicina ufficiale nelle malattie croniche e della progressiva e conseguente esplosione della spesa sanitaria che si ha in tutti i paesi sviluppati compresa l'Italia. 

Ma per dialogare e cercare un'integrazione occorre iniziare a costruire in primis un linguaggio comune: nella prima parte del corso si confronteranno quindi diverse discipline (filosofia della medicina, antropologia medica insieme a Biologia Molecolare, Fisica Quantistica ecc. ). A diversi livelli, i ricercatori di tutto il mondo ormai concordano che vi è una logica di fondo nell'organismo unano, e che diverse discipline ne permettono diversi punti di vista.

E per dare tradurre questo dialogo nella pratica il corso cercherà di rispondere alla esigenze concrete dei medici e quindi dei loro pazienti: in quali condizioni cliniche si può iniziare una integrazione  fra i diversi saperi in medicina? quali conoscenze sono necessarie? quali competenze?

Come si vede, si tratta di tematiche di estrema attualità, che sono oggetto di discussione e proposta in tutto il mondo.

Andrea Valeri, dipart. di ricerca clinica, Soc. Italiana di Medicina Omeopatica

Informazioni pratiche:

scadenza iscrizioni 15 ottobre

costo: 2100 €

web; http://www.unibo.it/Portale/Offerta+formativa/AltaFormazione/2007-2008/Integrazione_fra_saperi_convenzionali_e_non_convenzionali_in_medicina.htm 

 

 

 

 

 

 


 


 

[invia per email]